Lo voglio fare anch’io!

Il Melograno ospita

una giornata di laboratori per grandi

a cura di Bradipo Spazio per la Cultura dell’infanzia
Noemi Bermani / Master Metodo Bruno Munari

Martedì 17 marzo

dalle 10.30 alle 17.30

A chi è rivolto:  adulti che hanno relazioni quotidiane con i bambini (educatori, insegnanti, bibliotecari, genitori), ma anche adulti che frequentano i bambini sporadicamente o quasi mai, ma che hanno voglia di giocare con la propria creatività

Esplorazione e progettazione tra forme e contenuti.
Materiali, gesti grafici e metafore.

Lo voglio fare anch’io!
Quante volte abbiamo sentito questa frase mentre i bambini partecipavano a un laboratorio.
Un laboratorio apre domande per le quali cui esistono tante risposte da cercare, trovare e inventare facendo.
Ecco allora una serie di esperienze, dedicati ai grandi per esplorare forme, materiali, tecniche, assemblare e progettare.  Un momento da ritagliare per sé, per allenare la testa, gli occhi e le mani.
Una giornata dedicata agli adulti che desiderano esercitare il proprio fare e il proprio pensiero progettuale e creativo.
Un percorso che parte dall’esperienza concreta del laboratorio, alternando pratica e analisi, scambio di informazioni e riflessione collettiva.

PROGRAMMA DELLA GIORNATA

Mattina : 10.30 – 13.30

FORME

Punti tracce e percorsi. Viaggio nella fantasia.

In quanti modi diversi si possono collegare dei punti tra loro?
Da un piccolo-grande libro (Bruno Munari, 1992), partiamo per attraversare insieme costellazioni di punti, con varianti infinite di percorsi inesplorati, segni e disegni impensati. Una piccola esperienza per toccare con mano e ragionare insieme sui modi di fare modo di fare alla base dell’opera artistica e pedagogica di Bruno Munari.

Tra forme e formati

Non sempre i pittori dipingono nello stesso formato, non ci sono nei musei solamente quadri rettanfolari ma anche rotondi, stretti e lunghi, mezzi dischi, forme strane … Gli esempi [nella storia dell’arte] sono innumerevoli …
Bruno Munari, Il laboratorio per bambini a Brera, Zanichelli, 1981
Cosa succede se invece di decidere di disegnare su un foglio rettangolare prendiamo in mano un foglio di una forma irregolare e strana? Osservando attentamente queste forme possono suggerire soggetti ai quali non avremmo mai pensato davanti al solito foglio.
Un laboratorio classico da sperimentare in moltissime varianti.

Pomeriggio : 14.30 17.30

MATERIE

Micro-macro. La magia della luce proiettata

La luce proiettata incanta.
Giocando con la tecnica delle proiezioni dirette, videoinstallazioni portatili, ideate da Munari nel 1950, attraverso un uso divergente del proiettore di diapositive osserviamo, come al microscopio (ma sarebbe forse meglio dire macro-scopio?) frammenti di materiali che ci passano tra le mani ogni giorno.
La scoperta e il riutilizzo di uno strumento dimenticato che magari qualcuno dei nostri nonni ha ancora consevato in soffitta.
Una giocosa sperimentazione estetica che ci sorprende ingrandendo le immagini molte volte e ci permette di osservare e scoprire caratteristiche e dettagli inaspettati.

Guardare la notte. I materiali raccontano

È notte e i luoghi di tutti i giorni cambiano improvvisamente. Le luci e le atmosfere notturne rendono ogni cosa misteriosa e diversa.
Come si vede, la notte?
Un foglio nero ed è già notte, un foglio bianco ed è neve, un foglio di carta da lucido ed è nebbia. Quante immagini, sensazioni e storie possono raccontarci i materiali?

Contributo: 60 euro, per partecipare è necessario essere soci del Melograno

Conduce: Noemi Bermani, nata a Milano ma vive a Bologna dai tempi dell’università. Laureata al Dams in sociologia dell’arte ha conseguito il Master Metodo Munari® presso l’associazione Bruno Munari® di Milano
Da più di vent’anni lavora alla progettazione e realizzazione di laboratori per bambini e adulti, intendendo il labortorio come un dispositivo, che può confrontarsi con discipline diverse, che, se funziona, scatena il processo creativo.
Ha conseguito il Master Metodo Munari® presso l’associazione Bruno Munari® di Milano
Il suo riferimento pedagogico e culturale principale è il lavoro di Bruno Munari
Promuove i suoi progetti con il nome di Bradipo Spazio per la cultura dell’infanzia

Informazioni e iscrizioni
sms e whatsappapp: 3474784177
mail: noemi.bermani@libero.it